Disgrafia e rieducazione della scrittura

post-image

Le scritture si considerano disfunzionali quando rendono il grafismo troppo lento,quando scrivere provoca dolore o una fatica eccessiva, quando le parole risultano illeggibili. Ma il disturbo grafo-motorio è anche un livello di personalizzazione del tracciato non conforme all'età e alla scolarizzazione, una causa di insoddisfazione e malessere da parte del soggetto scrivente, un sintomo o un disturbo a seconda dei casi.Come scrive Olivaux, "se c'è qualcosa di difficile da definire è proprio la scrittura, poiché chiunque vi si avvicini la osserva secondo il suo personale punto di vista: linguistico, storico, semantico, grafologico, psicanalitico, filosofico, giuridico, ecc". Per IL grafologo rieducatore della scrittura, figura specificatamente preparata e specializzata nel trattamento dei disturbi grafo-motori, l'atto scrittorio è un fenomeno in costante evoluzione, il cui corso può essere interrotto da fattori di diversa natura. Il fine di questa evoluzione è l'adattamento personale ed espressivo del soggetto scrivente il quale, nell'ambiente a sua disposizione (il foglio bianco), dovrà adattare se stesso e le proprie modalità di comunicazione.La scrittura assolve alcune funzioni fondamentali:

- FUNZIONE STRUMENTALE, relativa all'espressione del pensiero
- FUNZIONE RELAZIONALE, associata alla comunicazione del pensiero
- FUNZIONE SINTOMATICA, rappresentativa della personalità
Tutte le difficoltà che ostacolano il compimento di tali funzioni vengono ricondotte al complesso fenomeno dei disturbi grafo-motori. Quando si parla di ciò normalmente ci si riferisce ai bambini, ma tale attribuzione non è del tutto corretta, poiché è nell'esperienza comune incontrare anche degli adulti che presentano evidenti difficoltà relative all'atto scrittorio, vuoi per nodi irrisolti di natura psicofisica che si trascinano dall'infanzia. Per poter effettuare una VALUTAZIONE completa ed approfondita del grafismo è necessario conoscere lo stato di salute generale, non solo neuromotoria, del soggetto. Bisogna, inoltre, tenere presente che ogni caso di rieducazione della scrittura porta in dote una costellazione di sintomi tra loro strettamente intrecciati.